12.1 C
Comune di Trani
mercoledì, Settembre 22, 2021
Home Formazione COVID-19: Corso FAD per infermieri promosso dall'Università San Raffaele, Generation Italy, Intesa...

COVID-19: Corso FAD per infermieri promosso dall’Università San Raffaele, Generation Italy, Intesa SanPaolo, SKY e FNOPI

È online il corso di formazione gratuito, con direzione scientifica a cura dell’Università Vita-Salute San Raffaele, dedicato a tutto il personale infermieristico italiano sulle procedure richieste per la gestione di Covid-19. Il corso è diviso in tre moduli per una durata complessiva di otto ore. Le lezioni offrono indicazioni operative e immediatamente applicabili a supporto degli operatori sul campo su tematiche riguardanti la protezione individuale, la ventilazione non invasiva e la gestione dello stress in situazioni di emergenza.

Nello specifico, il corso coprirà i seguenti temi: Dispositivi di Protezione Individuale, DPI (presentazione dei principali dispositivi di protezione individuale e delle corrette modalità d’uso da parte del personale infermieristico e medico nel trattamento di pazienti affetti da Covid-19); ventilazione non invasiva, NIV (indicazioni pratiche per l’utilizzo e il monitoraggio delle tecniche di ventilazione non invasiva – CPAP e BiPAP – nella gestione di pazienti affetti da Covid-19); gestione dello stress in situazioni di crisi (riconoscimento dei segnali di stress e identificazione delle principali tecniche di gestione dello stesso in situazioni di crisi).

Il corso, che riconosce ai partecipanti crediti per l’Educazione Continua in Medicina (ECM – 10,4) validi su tutto il territorio nazionale, è stato promosso da Generation Italy (fondazione no-profit indipendente creata da McKinsey & Company) attraverso il coordinamento dei partner; dall’Università Vita-Salute San Raffaele e dal Gruppo San Donato, che ne sono responsabili scientifici; da Intesa Sanpaolo, partner di progetto per la produzione e promozione del corso; da Sky Italia, che ha permesso la realizzazione dei video mettendo a disposizione la sua capacità creativa e produttiva; e da FNOPI-Federazione Nazionale degli Ordini delle Professioni Infermieristiche, partner per l’erogazione del corso e l’accreditamento nazionale.

Le lezioni si rivolgono a tutto il personale infermieristico che ogni giorno è in prima linea in tutto il territorio nazionale per combattere il virus. Obiettivo del corso è quello di offrire tecniche e migliori pratiche, in particolare per coloro i quali non abbiano avuto esperienze dirette o continuative nei reparti di terapia intensiva.

Partecipiamo con soddisfazione a questa iniziativa e mettiamo a disposizione di tutti la competenza del nostro Ateneo e degli ospedali del Gruppo San Donato impegnati in questo contesto così difficile”, ha affermato il professor Enrico Gherlone, Rettore dell’Università Vita-Salute San Raffaele. “La condivisione del sapere è il compito essenziale a cui siamo chiamati come docenti, una condivisione – ha aggiunto – che diventa ancora più cruciale quando in gioco c’è la sicurezza degli operatori sanitari e di tutti i cittadini”.

In una terapia intensiva, osservare e conoscere da vicino il malato è fondamentale, specie quando nell’emergenza siamo chiamati a decisioni che siano efficaci e rapide insieme. L’esperienza che abbiamo con i pazienti critici in generale e l’esperienza specifica che abbiamo accumulato in queste durissime settimane in Lombardia sono un patrimonio prezioso che mettiamo a disposizione dei colleghi”, ha sottolineato il professor Alberto Zangrillo, Prorettore per le Attività Cliniche Istituzionali dell’Ateneo e primario dell’Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione Generale e Cardio-Toraco-Vascolare dell’IRCCS Ospedale San Raffaele.

Tutti siamo di fronte a un nemico che non conoscevamo”, ha rimarcato il professor Roberto Burioni, ordinario di Microbiologia e Virologia dell’Università Vita-Salute San Raffaele. “Faremmo un favore troppo grande al virus trovandoci in un’aula a fare formazione, quindi usiamo la rete e condividiamo tutto quello che finora sappiamo. Avere personale sanitario preparato – ha concluso Burioni – è fondamentale sia per i pazienti, sia per la sicurezza degli operatori: questa è una battaglia in cui non possiamo cedere”.

VAI AL CORSO

INFORMARE PER FORMARE

Conseguenze da dipendenze patologiche – “Casa Serena” del 12/02/2019

La presenza di un disturbo correlato a sostanze si caratterizza per un uso continuativo nonostante l’insorgenza di sintomi cognitivi, comportamentali e fisiologici che generano...

ARICOLI RECENTI

Regolarizzate le posizioni del Coordinatore dell’Area Sanitaria dei corsi OSS

La ASL BAT pubblica l’avviso interno di selezione (Delibera del Commissario Straordinario n. 530 del 29/08/2021) per la formazione di un albo per il...

L’OPI BAT presente all’interno del festival Letterario biscegliese “Libri nel Borgo Antico”

Domenica 29 agosto alle ore 19:30 in piazza Duomo a Bisceglie, all’interno del Festival Letterario “Libri nel Borgo Antico”, Leonardo Di Leo, moderato dal...

Gli OPI pugliesi chiedono il ritiro della delibera per reclutare infermieri di famiglia presso la ASL FG

Con una lettera inviata al Direttore dell’ASL FG dott. Vito Piazzolla, all’Assessore Sanità della Regione Puglia Prof. Luigi Lopalco e al Direttore del Dipartimento...

Targa in memoria di medici, infermieri e operatori sanitari: Il sindaco Lodispoto avrebbe fatto meglio a tacere che non insultare il presidente OPI...

“Nessuna ripicca personale, solo la presa d'atto di una omissione clamorosa alla quale l'amministrazione comunale di Margherita di Savoia e il suo sindaco, Bernardo...