12.1 C
Comune di Trani
martedì, Settembre 29, 2020
Home Premio OPI BAT Assegnato il premio IPASVI BAT 2016 alla tesi sull'indice RSBI nel paziente...

Assegnato il premio IPASVI BAT 2016 alla tesi sull’indice RSBI nel paziente critico con difficoltà respiratorie

Anche quest’anno il Collegio della provincia Barletta-Andria-Trani ha indetto il concorso per l’assegnazione del 7° Premio IPASVIBAT 2016, riservato agli Infermieri neolaureati che hanno terminato il loro percorso didattico nell’anno 2015.

Il premio sta riscuotendo sempre maggiore interesse e partecipazione da parte dei colleghi.

Il tema dell’assistenza del paziente critico con difficoltà respiratorie sta diventando sempre più di particolare attualità e rilevanza. Alla fine di un attento lavoro di lettura, analisi e valutazione, la Commissione Valutatrice ha inteso premiare per l’edizione 2016 la tesi del collega Michele Andrea Turturo dal titolo “Le potenzialità dell’indice RSBI: Rivalutazione del suo CUT-OFF”.

Il processo di estubazione è per il paziente critico e per gli operatori un punto difficoltoso dell’assistenza respiratoria.L’indice RSBI supporta questa fase ed è, a livello internazionale, un valido supporto nel processo assistenziale al paziente intubato. L’indice RSBI (Rapid Shallow Brathing Index) è pari al rapporto fra la frequenza respiratoria ed il volume tidalico; pazienti che, ad esempio, hanno difficoltà nella ventilazione avranno alta frequenza respiratoria ed un basso volume tidalico il che ci restituirà un alto valore di RSBI. Questo indice viene perciò utilizzato nella valutazione pre-estubatoria poichè indica la probabilità di un’estubazione efficace o meno.

Il lavoro di tesi ha lo scopo di ridefinire il cut-off classico di 105 l/min dell’indice al fine di aumentarne la potenza statistica. Il lavoro propone quindi una innovativa valutazione dei pazienti presenti in rianimazione, per ottimizzare i parametri di una estubazione efficace.

I risultati ottenuti quindi evidenziano la necessità di rivedere il valore soglia di 105 l/min in campioni differenti e sicuramente con una popolazione statistica più elevata; principale è la standardizzazione internazionale del protocollo di studio, la quale potrebbe includere e considerare le condizioni cliniche del paziente in quanto l’RSBI non è l’unico parametro da considerare nel processo di estubazione.

In questo ambito, come visualizzato nella tesi del collega, gli infermieri possono svolgere un ruolo importante nell’individuazione e riconoscimento dei parametri per migliorare quel processo di estubazione nei pazienti ricoverati in rianimazione. Per questi motivi il Comitato Scientifico del Collegio IPASVI BAT ha proposto di assegnare il premio al collega Michele Andrea Turturo. Felicitazioni per il traguardo raggiunto dal Consiglio Direttivo e del Collegio dei Revisori del collegio IPASVI BAT.

INFORMARE PER FORMARE

Le cure palliative – “Casa Serena” del 18/06/2019

Gli infermieri dell'OPI BAT in questa puntata si soffermano a parlare di un argomento molto importante, come quello delle cure palliative. Secondo l’OMS (Organizzazione Mondiale...

ARICOLI RECENTI

Infermiere di famiglia e comunità: con il via libera per le Regioni è una realtà per i cittadini e il SSN

Dopo l’iniezione di organici del “Decreto Rilancio” (subito 9.600 unità), la Federazione nazionale degli Ordini delle professioni infermieristiche (FNOPI) ha avviato con...

Mangiacavalli (FNOPI) su riforma 118 – Il Ddl così non va. Servono interventi strutturali

Disegno di legge 1715 di riforma del servizio 118: troppe deroghe sugli ambiti di operatività del servizio e i tempi di intervento...

SI all’UNIBA per le prove selettive. NO per la prova scritta al maxi concorso per Infermieri. I due pesi e le due misure della...

Il Dipartimento Salute della Regione Puglia con un proprio comunicato stampa dello scorso 31 agosto ha reso noto di aver rinviato la...

Test di ammissione alle professioni sanitarie: il 33% delle domande è per infermiere

Domani, 8 settembre, 77.205 giovani proveranno i test di ammissione alle 22 professioni sanitarie (infermiere, fisioterapista, logopedista, dietologo, tecnico di radiologia ecc).