12.1 C
Comune di Trani
martedì, Settembre 29, 2020
Home Notizie Infermiere di famiglia e distretto: Governo e Parlamento diano il via al...

Infermiere di famiglia e distretto: Governo e Parlamento diano il via al nuovo modello

Un passo fondamentale quello della Commissione Affari sociali attraverso il suo Parere al Decreto Rilancio con il quale si sottolinea l’importanza della figura dell’Infermiere di famiglia e di comunità anche attraverso la sua partecipazione all’attuazione dei piani di assistenza territoriale per l’identificazione e la gestione dei contatti, l’organizzazione dell’attività di sorveglianza attiva, con un ruolo di responsabilità e coordinamento nei processi infermieristici a livello distrettuale”.

La Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche che rappresenta i 450.000 infermieri presenti in Italia commenta così il parere della Affari sociali della Camera al Dl Rilancio.

E aggiunge: “Il ministro della Salute Roberto Speranza ha finora facilitato questo processo: vigili perché tutto questo sia realizzato e perché sul territorio nasca davvero una rete multiprofessionale proattiva e d’iniziativa che tuteli la salute delle persone dall’educazione sanitaria alla prevenzione, dalla cura all’assistenza alle cronicità. E il Parlamento sia garanzia del rispetto di questi principi e del nuovo modello di assistenza a tutela dei cittadini. 

È ora di innovare il nostro servizio Sanitario Pubblico e per farlo c’è bisogno di coraggio e responsabilità”.

Anche l’OCSE parla chiaro nel suo nuovo Report che alla luce dei problemi nell’assistenza territoriale registrati in molti Paesi a causa del Covid propone alcune soluzioni: il futuro dell’assistenza passa attraverso nuovi modelli di organizzazione che dovrebbero essere adottati in modo massiccio per allontanarsi dal tradizionale modello “reattivo di pratica solista” dei singoli professionisti.

Ora è tempo delle reti territoriali multiprofessionali”, continua la FNOPI.

Mentre non esiste un modello organizzativo unico per tutti, un modello integrato dell’assistenza sanitaria di base soddisfa secondo l’OCSE quattro caratteristiche:

  • pratiche multidisciplinari o interprofessionali con una diversa combinazione di professionisti per l’assistenza sanitaria di base (medici di famiglia, infermieri specializzati, farmacisti, psicologi e così via fino anche a personale di supporto non clinico);
  • diversi modelli di lavoro di squadra e diverse popolazioni target;
  • servizi sanitari di comunità completi, tra cui quelli per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute, servizi curativi, di riabilitazione e gestione di malattie croniche;
  • coordinamento dell’assistenza tra i professionisti della salute, la chiave cioè per consentire l’individuazione delle malattie, la riduzione del rischio di aggravamenti e cronicizzazioni, la prevenzione della duplicazione dei servizi e l’aumento della soddisfazione dei pazienti.

Tutto questo anche con il coinvolgimento dei pazienti nel processo decisionale per incorporare i valori, i bisogni e le preferenze dei pazienti.

La Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche da anni propone questo tipo di rete multidisciplinare e a darle corpo è ora anche il decreto rilancio che prevede un’organizzazione territoriale dove è introdotto a pieno titolo l’infermiere di famiglia e comunità (IFEC), già previsto dal Patto per la Salute”.

INFORMARE PER FORMARE

Le vaccinazioni – “Casa Serena” del 07/05/2019

Gli infermieri dell'OPI BAT in questa puntata approfondiscono una tematica molto importante come quella delle vaccinazioni. Le vaccinazioni (soprattutto nell'infanzia) costituiscono il primo intervento preventivo...

ARICOLI RECENTI

Infermiere di famiglia e comunità: con il via libera per le Regioni è una realtà per i cittadini e il SSN

Dopo l’iniezione di organici del “Decreto Rilancio” (subito 9.600 unità), la Federazione nazionale degli Ordini delle professioni infermieristiche (FNOPI) ha avviato con...

Mangiacavalli (FNOPI) su riforma 118 – Il Ddl così non va. Servono interventi strutturali

Disegno di legge 1715 di riforma del servizio 118: troppe deroghe sugli ambiti di operatività del servizio e i tempi di intervento...

SI all’UNIBA per le prove selettive. NO per la prova scritta al maxi concorso per Infermieri. I due pesi e le due misure della...

Il Dipartimento Salute della Regione Puglia con un proprio comunicato stampa dello scorso 31 agosto ha reso noto di aver rinviato la...

Test di ammissione alle professioni sanitarie: il 33% delle domande è per infermiere

Domani, 8 settembre, 77.205 giovani proveranno i test di ammissione alle 22 professioni sanitarie (infermiere, fisioterapista, logopedista, dietologo, tecnico di radiologia ecc).