12.1 C
Comune di Trani
giovedì, 28 Maggio, 2020
Home Notizie Elezioni nazionali della Federazione degli Infermieri: vince il gruppo della presidente Barbara...

Elezioni nazionali della Federazione degli Infermieri: vince il gruppo della presidente Barbara Mangiacavalli. Ecco il programma per il prossimo triennio

Il gruppo della presidente uscente, Barbara Mangiacavalli, è stato eletto col 96% di preferenze nel Comitato centrale della Federazione degli Infermieri – per il triennio 2018-2020 – che rappresenta oltre 440mila professionisti (ha votato il 97% dei Collegi aventi diritto).

Fanno parte del nuovo Comitato Centrale, oltre Barbara Mangiacavalli, Beatrice Mazzoleni (Bergamo) e Franco Vallicella (Verona), già presenti nel precedente organigramma a cui si aggiungono Cosimo Cicia (Salerno), Giancarlo Cicolini (Chieti) Nicola Draoli (Grosseto), Ausilia Pulimeno (Roma).

Per il Collegio dei Revisori dei Conti due conferme: Mariacristina Magnocavallo (Campobasso – Isernia) e Salvatore Occhipinti (Agrigento). E due new entry: Sandro Arnofi (Ferrara) e Fausto Sposato (Cosenza).

Il nuovo Comitato centrale avrà il difficile compito di traghettare la neonata Federazione degli Ordini delle Professioni infermieristiche (FNOPI)  – che assumerà ufficialmente questo nome appena sarà in vigore la legge Lorenzin, diventando il più grande Ordine professionale d’Italia – dalle vecchie metodologie di gestione dei Collegi a quelle nuove degli Ordini.

La presidente uscente, capogruppo della compagine che ha ottenuto il maggior numero di voti, ha subito ricordato il valore della professione.

Siamo infermieri prima di tutto – ha detto – e crediamo nella forza della relazione, dell’ascolto, dell’inclusione, dall’autorevolezza che vince sull’autorità. Crediamo in un gruppo allargato, partecipato, che lasci spazio ad autonomie di pensiero e di cultura. Rifuggiamo personalismi, autocrazie, populismo, demagogia e lotte intra – professionali. Crediamo nello spirito  di servizio istituzionale, lo studio continuo, la delega alla comunità professionale con le giuste competenze. Crediamo nei percorsi che si prefiggono obiettivi di sistema che si raggiungono nel medio – lungo termine e che si ottengono con serietà, impegno, senso istituzionale, dignità e rispetto per l’onesta intellettuale degli infermieri che rappresenteremo”.

Altro compito a cui il nuovo Comitato Centrale si prepara come priorità sarà quello di partecipare e vegliare sui decreti attuativi della legge Lorenzin. Ma il lavoro per il nuovo vertice della Federazione degli infermieri non si ferma qui.

Dobbiamo accompagnare da subito gli Ordini provinciali nell’applicazione della Legge Lorenzin creando consapevolezza di ruolo della rappresentanza professionale, fornendo strumenti di supporto, integrazione e crescita reciproca – ricorda la Mangiacavalli (le nomine della Federazione saranno stabilite nel primo Comitato Centrale dei neo eletti, il 2 febbraio prossimo) -, ma dobbiamo anche presidiare, a livello ministeriale e istituzionale, l’applicazione della legge 24/2017 sulla responsabilità sanitaria  e i decreti ministeriali  attuativi affinché  la professione infermieristica possa esprimere al meglio il proprio contributo per la sicurezza degli assistiti e la  gestione del rischio clinico  e delle responsabilità collegate”.

Tra i compiti del nuovo vertice FNOPI c’è poi quello di concludere il lavoro per definire il nuovo Codice deontologico degli infermieri, anche recependo le indicazioni della legge Lorenzin “per consegnare agli infermieri uno strumento che possa essere utilizzato anche nelle criticità quotidiane”, sottolinea Mangiacavalli.

Qui di seguito, riassunto per punti, riprendiamo tutto ciò che la professione ha già avviato in questi tre anni e che ora deve essere mantenuto e reso più forte:

  • consolidare il contributo della professione ai tavoli istituzionali;
  • sostenere le società scientifiche verso il consolidamento del loro ruolo rispetto alla responsabilità professionale e alla rappresentanza scientifica;
  • consolidare le alleanze e le sinergie con le associazioni dei cittadini, con particolare attenzione alla cronicità, al settore socio sanitario e allo sviluppo dell’infermieristica nel territorio;
  • realizzare protocolli di intesa e documenti congiunti multi professionali per percorsi di partenariato professionale su obiettivi condivisi.

INFORMARE PER FORMARE

Lettera testimonianza e manovre di disostruzione bambino incosciente – “Casa Serena” del 14/12/2017

Nella trasmissione "Casa Serena" di Teleregione del 14/12/2017 gli infermieri del collegio IPASVI BAT concludono la presentazione del progetto Scuole Sicure leggendo la lettera...

ARICOLI RECENTI

Via libera alla Camera del Ddl violenza sugli operatori sanitari. Ora tempi più che rapidi per l’approvazione al Senato

“È una bella notizia che il disegno di legge contro la violenza sugli operatori sanitari abbia fatto un ulteriore passo avanti e sia stato...

Pubblicato in Gazzetta il Decreto Rilancio: nasce l’infermiere di famiglia

È pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 128 del 19 maggio 2020 il decreto legge n. 34 “Misure urgenti in materia di salute, sostegno al...

Corso FAD gratuito anti stress e burnout per operatori sanitari

Burnout e stress psico-fisico durante COVID-19 colpiscono tra il 30 e il 50% degli operatori sanitari e a fine pandemia possono lasciare tracce indelebili. Provocano...

Decreto Rilancio: sul territorio arriva l’infermiere di famiglia/comunità

Il “Decreto Rilancio” apre le porte al territorio. E lo fa anche secondo alcune linee che la Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche...