Firmato il decreto Gentiloni per riconoscere la pensione anticipata agli infermieri con professione gravosa (ma non usurante)

Scritto da  OPI BAT Feb 19, 2018

Finalmente ci siamo: anche gli infermieri, secondo determinati criteri, rientrano tra le figure che potranno andare in pensione  prima del termine fissato, perché annoverati tra i lavoratori che svolgono attività "gravose".

E’ stato annunciato lo scorso 2 febbraio quello che era prevedibile, ovvero l’innalzamento dell’età pensionabile da 66 anni e 7 mesi a 67 anni a partire dal 2019, questo in relazione agli ultimi dati Istat che hanno rilevato un aumento dell’aspettativa di vita.

A darne notizia è stato, con un tweet, il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni: "Firmato da Giuliano Poletti il decreto che esenta 15 professioni gravose da adeguamento età pensionabile a speranza di vita. Il sistema pensionistico - scrive il premier - non va scardinato. Vanno protette le fasce più esposte della società".

Tra polemiche e dibattiti infuocati non tutto è perduto, almeno per 11 fortunate categorie, che in relazione a quella che sarà la Legge di Bilancio, e quindi in relazione alle risorse disponibili, potranno godere del congelamento dell’adeguamento dell’età pensionabile, anche gli infermieri che hanno svolto negli ultimi 5 anni lavoro notturno.

Non è certo una vera e propria conquista e siamo ancora lontani dal riconoscimento della professione infermieristica come “usurante”, ma il “gravoso” è comunque un passo avanti che ci fa sperare in meglio.

  1. Notizie
  2. Comunicato
  3. Formazione

Calendario

« Giugno 2018 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30