12.1 C
Comune di Trani
giovedì, Novembre 26, 2020
Home Iniziative Modalità di iscrizione all’albo CTU e PERITI del Tribunale di Trani

Modalità di iscrizione all’albo CTU e PERITI del Tribunale di Trani

L’Ordine delle Professioni Infermieristiche, su mandato del Presidente e del Consiglio Direttivo attraverso un’apposita Commissione Interna, preliminarmente, valuterà le candidature al solo fine di filtrarle e quindi far avviare la procedura di iscrizione all’albo solo per i candidati che effettivamente possiedono la “speciale competenza”.

Come previsto dall’Art. 5 la “Speciale competenza” del protocollo d’intesa, non si esaurisce nel mero possesso del titolo abilitativo alla professione, ma si sostanzia nella concreta conoscenza teorica e pratica della disciplina, come può emergere sia dal curriculum formativo e/o scientifico sia dall’esperienza professionale del singolo esperto.

L’accordo si propone di indicare elementi di valutazione della speciale competenza, ulteriori rispetto al titolo abilitativo, al fine di favorire un’adeguata valutazione e di indirizzare ogni infermiere nell’allegazione di tutti gli opportuni elementi in sede di compilazione della domanda di iscrizione/riconferma all’albo.

Più precisamente, la speciale competenza, non potrà sussistere in mancanza di almeno uno dei seguenti elementi:

  1. possesso del titolo abilitante e la relativa iscrizione all’OPI BAT;
  2. esercizio della professione da almeno un decennio;
  3. assenza, negli ultimi 5 anni, di sospensione disciplinare e nell’assenza di qualsiasi procedimento disciplinare in corso;
  4. regolarità formativa ECM (con verifica di adempimento certificativo, così come previsto dal Co.Ge.A.P.S., nel triennio certificabile, salvo integrazioni normative).

I punti 2, 3 dovranno essere autocertificati.

La commissione OPI BAT valuterà in prima analisi il possesso dei 4 requisiti specifici utili alla iscrizione all’albo.

Successivamente il candidato dovrà procedere con la compilazione di ulteriori elementi di valutazione, rispetto a quelli appena elencati.

Le modalità di iscrizione all’albo saranno quelle predisposte e già attivate dal Tribunale di Trani (http://www.tribunale.trani.giustizia.it/comefare.aspx?id_ufficio_giudiziario=1096&cfp_id_scheda=2462).

Questi sono:

  1. possesso di un adeguato curriculum formativo post-universitario, che indichi sia i corsi di livello universitario o assimilato, sia i corsi di aggiornamento rilevanti ai soli fini del circuito ECM, nonché le eventuali attività di docenza;
  2. possesso di un adeguato curriculum professionale, che indichi le posizioni ricoperte e le attività svolte nella propria carriera (a solo titolo esplicativo: ruoli svolti, datori di lavoro, strutture ove si è prestato servizio, tipi e aree di attività praticate, attività di consulenza professionale svolta per imprese ecc.);
  3. eventuale possesso di un curriculum scientifico, che indichi attività di ricerca e pubblicazioni, oltre all’iscrizione a società scientifiche;
  4. eventuale possesso di riconoscimenti accademici o professionali o di altri elementi che possono connotare l’elevata qualificazione del professionista;
  5. eventuale possesso dell’abilitazione allo svolgimento di attività di mediazione o eventuale certificazione di corsi di formazione tecnico-giuridici specifici per periti e CTU;
  6. eventuale possesso di un’attestazione certificante la conoscenza del processo telematico;
  7. eventuale possesso di laurea magistrale in Scienze infermieristiche.

Inoltre la valutazione della “speciale competenza” infermieristica passa dalla prova e dall’entità del percorso professionale, accademico e specializzante compiuto dal singolo infermiere idonee a considerare positivamente l’esperienza conseguita nelle aree professionali ed al fine di agevolare il magistrato nella scelta dell’esperto dotato delle competenze più adeguate alle questioni del singolo procedimento nel quale è chiamato ad operare. Le aree professionali sono le seguenti:

  • Area cure domiciliari;
  • Area cure distrettuali ambulatoriali;
  • Area salute in carcere;
  • Area rischio infettivo – rischio clinico;
  • Area cure palliative e trattamento del dolore;
  • Area assistenziale RSA, RSD e centri assistenziali;
  • Area direzione – coordinamento – management;
  • Area formazione.

(le aree di specializzazione degli infermieri pediatrici si differenziano solo riguardo all’età in quanto egli interviene su pazienti con età inferiore ai 18 anni, ovviamente esclusi gli RSA).

É buona prassi che gli elementi di valutazione della speciale competenza siano forniti da ogni candidato in sede di compilazione del modulo di iscrizione/riconferma all’albo, nel quale dovrà altresì essere obbligatoriamente presente, ai sensi dell’art. 15, comma 2, 1. 24/2017, l’indicazione degli incarichi svolti come perito o consulente tecnico d’ufficio e di parte (pubblica o privata) all’interno di procedimenti civili o penali.

L’art. 6 del protocollo d’intesa “Specchiata moralità”, ai sensi dell’art. 15 disp. att. c. p.c., è requisito fondamentale ed indefettibile perché́ possa procedersi all’iscrizione nell’elenco.

COME INOLTRARE LA DOMANDA DI ISCRIZIONE:

  • L’istanza di iscrizione all’albo dei consulenti tecnici e all’albo dei periti, reperibile sul sito internet del Tribunale (LINK  http://www.tribunale.trani.giustizia.it/modulistica.aspx?Filtra_per_argomento_modulistica=278) FILE “Z1_Istanza iscrizione albo ctu e periti rev.1”
  • Al riguardo, si prega di utilizzare esclusivamente il modello di istanza in word (che quindi è modificabile a seconda delle esigenze) inserito sul portale del Tribunale e scaricabile dal link;
  • Fotocopia del documento di riconoscimento in corso di validità e fotocopia del Codice Fiscale;
  • Curriculum vitae in carta libera e altri documenti attestanti l’esperienza professionale;
  • Nell’ipotesi di indicazione di una specializzazione, la stessa deve essere debitamente documentata con certificazioni e /o copie autenticate;
  • Dichiarazione di essere in possesso di indirizzo PEC iscritto al Re.G.Ind.E*;
  • Gli iscritti all’albo dei CTU sono tenuti a comunicare tempestivamente la cessazione dell’attività professionale o il cambiamento dell’indirizzo e dei recapiti di contatto.

* Per procedere all’iscrizione del proprio indirizzo PEC al Re.G.Ind.E bisogna inviare una richiesta con l’indicazione della PEC da registrare all’indirizzo PEC dell’OPI bat@cert.ordine-opi.it

La commissione d’albo del Tribunale di Trani si riunisce una volta l’anno.

INFORMARE PER FORMARE

Coronavirus: come comportarsi per evitare panico ed epidemia – Casa Serena del 03/03/2020

Secondo gli ultimi dati pubblicati dall’Osservatorio Mondiale della Sanità (OMS), al momento si stanno registrando epidemie in diverse parti del mondo (in particolare in...

ARICOLI RECENTI

FNOPI proroga il fondo di solidarietà #NoiConGliInfermieri al 30 giugno 2021

In questi giorni in cui stanno drammaticamente aumentando in Italia i numeri dei contagiati da Covid-19, la Federazione Nazionale Ordini Professioni Infermieristiche...

Papagni – Donazione plasma iperimmune: Un’organizzazione da potenziare

Inizia così l’appello lanciato sui canali social dalla ASL BT (https://www.facebook.com/aslbat/posts/3654320681299710) rivolto ai cittadini per sensibilizzarli alla raccolta del plasma iperimmune.

Rapporto OCSE 2020: L’Italia è tra i fanalini di coda per il numero e per la formazione specialistica di infermieri

Gli infermieri sono aumentati nell’OCSE, ma non in Italia, dove sono sempre 5,7 per 1000 abitanti contro una media dei Paesi dell’Organizzazione...

Gli infermieri non sono “eroi” ma neanche “carne da macello”

Cresce sensibilmente, in Puglia, il numero di Infermieri contagiati da Covid 19. E’ l’allarme lanciato dagli Ordini della Puglia che evidenziano come...