12.1 C
Comune di Trani
lunedì, Giugno 14, 2021
Home Comunicato Gli infermieri dell'OPI BAT a sostegno della manifestazione del prossimo 15 ottobre

Gli infermieri dell’OPI BAT a sostegno della manifestazione del prossimo 15 ottobre

L’Ordine delle Professioni Infermieristiche della provincia di Barletta-Andria-Trani condivide gli obiettivi oggetto della manifestazione che richiama tutti gli infermieri italiani a Roma il prossimo 15 ottobre condividendo le istanze che da anni vengono rivendicate dagli stessi professionisti.

La manifestazione che si terrà al Circo Massimo è promossa dai sindacati infermieristici, alla quale aderiscono anche l’Associazione Avvocatura di Diritto Infermieristico (AADI), il movimento “INFERMIERI IN CAMBIAMENTO”, la testata giornalistica “NurseTimes”, il blog infermieristico “NurseNews”.

L’OPI BAT nel rispetto dei ruoli istituzionali, promuove e sostiene questa forte iniziativa che riguarda tutta la professione infermieristica, rilanciando ed auspicando il dibattito ed il confronto con i decisori politici sul futuro professionale, che punti alla valorizzazione della funzione infermieristica e del proprio ruolo professionale.

Gli obiettivi, in sintesi, della mobilitazione sono:

  1. Un alveo contrattuale autonomo, con risorse economiche dedicate e avulse dal resto del comparto, che riconosca peculiarità, competenza e indispensabilità ormai evidenti della categoria infermieristica, che rappresenta oltre il 41% delle forze del Servizio sanitario nazionale e oltre il 61% degli organici delle professioni sanitarie. Analogamente accada per le professioni sanitarie ostetrica e tecniche.
  2. Risorse economiche dedicate e sufficienti per il riconoscimento di una indennità professionale infermieristica mensile che, al pari di quella già riconosciuta per altre professioni sanitarie della dirigenza, sia parte del trattamento economico fondamentale, e che riconosca e valorizzi sul piano economico le profonde differenze rispetto alle altre professioni, rese ancor più evidenti dalla pandemia di Covid-19.
  3. Risorse economiche per il contratto della sanità finalizzate e sufficienti a conferire un’indennità specifica e dignitosa per tutti i professionisti che si occupano ai vari livelli di funzione di assistere pazienti con un rischio infettivo.
  4. Individuazione di uno specifico contratto/convenzione nazionale di lavoro per l’infermiere di famiglia e immediato adeguamento delle dotazioni organiche del personale operante nella generalità dei presidi ospedalieri e sul territorio, calibrato tenendo conto dei reali bisogni dell’assistenza, con coevo aggiornamento della programmazione degli accessi universitari, posto che, allo stato, mancano più di 53mila infermieri. Nuove norme in grado di agevolare, concretamente, la mobilità del personale tra gli enti del Servizio sanitario nazionale, anche eliminando il “previo placet” al trasferimento dell’ente di appartenenza in caso di disponibilità di posto vacante nell’ente di destinazione.
  5. Superamento, per gli infermieri pubblici e per gli altri professionisti non medici, del vincolo di esclusività, riconoscendo loro il diritto, già esistente per il personale medico, di svolgere attività intramoenia, anche per far fronte alla gravissima carenza di personale in cui versano le strutture sociosanitarie, le Rsa, le case di riposo, di cura e le strutture residenziali riabilitative.
  6. Direttive e risorse economiche finalizzate a sostenere l’aggiornamento professionale dei professionisti sanitari oggetto della presente e riduzione del debito orario settimanale degli stessi (orario di servizio) pari ad almeno quattro ore settimanali, da utilizzare per le attività di aggiornamento, come già avviene per i medici.
  7. Direttive e nuove risorse economiche finalizzate all’immediato e stabile riconoscimento dei professionisti specialisti e degli esperti, in applicazione della Legge 43/06, e per la valorizzazione economico giuridica della funzione di coordinamento, valorizzazione delle competenze cliniche e gestionali degli interessati.
  8. Riconoscimento della malattia professionale e correlato meccanismo di indennizzo in caso di infezione, con o senza esiti temporanei o permanenti.

INFORMARE PER FORMARE

Abusivismo professione infermieristica – “Casa Serena” del 16/04/2019

Gli infermieri dell'OPI BAT si soffermano a parlare di un argomento molto importante come quello dell'esercizio abusivo della professione, una piaga diffusa in particolare...

ARICOLI RECENTI

Centro Biomedico Papagni riserva test sierologico quantitativo anti Sars-Cov-2 agli iscritti OPI BAT

L’Ordine delle Professioni Infermieristiche della provincia BAT e il Centro Biomedico analisi cliniche “Papagni” sito a Trani in via De Cuneo, 54/a stilano un...

Studio Biomedico Associato propone test sierologico quantitativo anti Sars-Cov-2 agli infermieri dell’OPI BAT

L'Ordine delle Professioni Infermieristiche della provincia BAT e il Laboratorio Analisi STUDIO BIOMEDICO ASSOCIATO sito a Bisceglie in Via San Martino, 57 stilano un...

La sicurezza sul lavoro ai tempi del covid. Presentazione ufficiale del libro-guida il prossimo 19 maggio

Una guida inedita per fronteggiare l’epidemia da COVID 19 arricchita da esperienze maturate sul campo per fornire a tutti gli Operatori Sanitari uno strumento...

Premio OPI BAT 2019-2020: “Specialità e Competenze infermieristiche in scena”

Si è conclusa il 12 Maggio la “Giornata Internazionale dell’Infermiere”. La giornata dedicata agli infermieri, istituita nel 1965 dal Consiglio Internazionale degli Infermieri (ICN), viene...